Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Turismo

 
 
 
 Home |  Turismo | Operatori ricettivo | Alloggi per uso turistico
Alloggi per uso turistico


L'offerta turistica del Trentino è caratterizzata da una diffusa disponibilità di alloggi (case e appartamenti) di privati a scopo turistico. La legge provinciale in tema di ricettività turistica prevede la necessità di realizzare una base dati, sistematica e completa, dedicata a questo specifico comparto dell'ospitalità, anche al fine di consentire l'attivazione di coerenti politiche di supporto al comparto ed ai relativi servizi locali.

In relazione a quanto introdotto con l'articolo 37 bis della legge è tenuto alla comunicazione prevista per gli alloggi per uso turistico chiunque offra in locazione ai turisti case o appartamenti di cui ha la disponibilità a qualsiasi titolo.

La comunicazione non riguarda gli alloggi già considerati in altre strutture ricettive, quali ad esempio le "case e appartamenti per vacanze" di cui all'articolo 34 della legge. La comunicazione non riguarda neppure le cosiddette "seconde case" cioè le case in disponibilità del proprietario e non collocate sul mercato della locazione turistica.

La comunicazione deve essere aggiornata ogni qualvolta si verifichino variazioni nelle caratteristiche o nella destinazione dell'immobile rispetto a quanto comunicato in precedenza. Il medesimo articolo 37 bis della legge prevede che l'omessa o incompleta presentazione della comunicazione o degli aggiornamenti entro i termini stabiliti comporta l'applicazione di una sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 200 a 600 euro per ciascuna casa o appartamento.

Nelle sezioni sotto elencate sono presenti le indicazioni operative per il cittadino e gli operatori delle Aziende per il Turismo e Consorzi Pro Loco.

I soggetti tenuti alla comunicazione possono compilare il modello cartaceo "modello di comunicazione alloggi" scaricabile nella sezione sotto riportata "Modulistica - Modulistica per il cittadino" , da consegnare al comune di competenza oppure possono utilizzare direttamente la specifica funzionalità on-line, disponibile all'indirizzo http://www.alloggituristici.provincia.tn.it.

Ogni cittadino può operare direttamente con la funzionalità on-line utilizzando come accreditamento la CPS (Carta Provinciale dei Servizi), CNS (Carta Nazionale dei Servizi) o SPID (Sistema Pubblico Identificazione Digitale).

Tutte le comunicazioni andranno ad implementare le informazioni gestite dal Sistema Informativo del Turismo.

I cittadini che non possono realizzare direttamente la comunicazione on-line, in alternativa alla presentazione presso il comune, potranno inoltre presentare la comunicazione attraverso la propria organizzazione turistica locale (Azienda per il turismo o Consorzio pro loco): in questo caso il modello cartaceo correttamente compilato sarà inserito nel sistema on-line a cura dell'operatore.

Si ricorda che chi offre in locazione turistica un alloggio è tenuto anche a:

  • Contattare la Questura di Trento (0461/899700 - 0461/899701 upgsp.tn@poliziadistato.it) che provvederà all'emissione delle credenziali per l'attivazione della procedura telematica per le comunicazioni di P.S. (D.M. 7 gennaio 2013). Si ricorda che il mancato invio del dato comporta una violazione penale,si sensi degli artt. 17 e 109 T.U.L.P.S.

  • Contattare la locale Azienda per il Turismo o Consorzio Pro Loco per la comunicazione dei dati relativi alla rilevazione del movimento turistico ISTAT.

  • Dal 1 gennaio 2019 l’imposta provinciale del turismo è stata sostituita dall’imposta di soggiorno (art. 16bis della l.p. 8/2002) dovuta dagli ospiti degli alloggi turistici.  SOLO per il 2019 l’imposta non è dovuta nel caso in cui il gestore offra un unico alloggio, mentre chi ne offre in locazione 2 o più dovrà far pagare l’imposta agli ospiti di tutti gli alloggi (compreso il primo). 

    DAL 1 GENNAIO 2020, tutti coloro che concedono in locazioni alloggi turistici previsti all’art. 37 bis della l.p. 7/2002 sono tenuti a riscuotere l’imposta di soggiorno, ANCHE CHI OFFRE UN UNICO ALLOGGIO.

    L’importo che il gestore dovrà applicare al turista è di Euro 0,70 a persona per pernottamento per un massimo di 10 giorni consecutivi presso il medesimo alloggio (salvo gli ambiti che hanno richiesto l’incremento). Per maggiori informazioni consultare il sito www.trentinoriscossionispa.it.

  • Pubblicare in maniera ben visibile, unitamente alla denominazione dell’alloggio, il Codice CIPAT nelle iniziative di pubblicità, promozione e commercializzazione dell’offerta, effettuate direttamente o indirettamente attraverso qualsiasi forma di intermediazione con scritti, stampati, supporti digitali o con qualsiasi altro mezzo utilizzato.
 
Alloggi per uso turistico
 
 
credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy