Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Turismo

 
 
 

Vacanza invernale (2006/08)

Indagine sulla stagione invernale

Obiettivi: approfondire le tematiche della stagione invernale, cogliendo dalla domanda e dagli operatori andamenti e possibili prospettive future, in particolare sulla vacanza attiva connessa al prodotto neve. Conoscere inoltre aspettative e soddisfazioni, tipologie e comportamenti di chi frequenta le aree a vocazione turistica invernale del Trentino.

Contemporaneamente è stata condotta una seconda ricerca sulle piste da sci, per mettere in luce alcuni comportamenti dei frequentatori delle piste da sci trentine, nonché la loro sensibilità alle tematiche della sicurezza in pista. Questa seconda ricerca ha riguardato distintamente le aree forti e le aree minori per il prodotto sci.

Modalità e tempi: la prima ricerca è stata effettuata in due tempi diversi.

Una prima parte si è svolta a fine stagione invernale 2006/07, nei mesi di febbraio e marzo, durante i quali sono state raccolte 1.027 interviste ai frequentatori di strutture ricettive certificate (alberghi, CAV e campeggi) nelle località invernali generalmente più frequentate. Questa prima fase della ricerca voleva intercettare soprattutto il turista invernale delle settimane bianche. Parallelamente si è condotta una ricerca qualitativa ad un panel di interlocutori privilegiati (società impiantistiche, strutture alberghiere, scuole di sci…).

La seconda fase della ricerca è stata sviluppata durante le festività natalizie della stagione invernale 2007/08 (dal 26 dicembre 2007 al 6 gennaio 2008). Questa seconda fase ha interessato un campione di 1.516 frequentatori di strutture ricettive certificate (alberghi, CAV e campeggi) delle sette principali zone turistiche invernali del Trentino (Val di Fassa, Val di Fiemme, S. Martino di Castrozza e Primiero, Madonna di Campiglio e Rendena, Folgaria, Paganella).
La seconda ricerca condotta direttamente sulle piste da sci ha interessato un campione di 1.086 sciatori e snowboardisti, intervistati sia nelle are “forti” dotate di importanti caroselli sciistici, dove già era stata svolta la prima ricerca con interviste agli ospiti delle strutture ricettive, che nelle aree “minori” (Bondone, Polsa-San Valentino, Brocon, Lavarone, Pejo).

Accanto a queste due ricerche sul campo sono stati effettuati alcuni approfondimenti riguardanti: la nascita e l’affermarsi dell’industria della neve in Trentino e nell’arco alpino; problematicità e andamenti recenti del mercato dello sci e di altre modalità di vacanza connesse al prodotto neve; benchmarking di alcune destinazioni turistiche invernali dell’arco alpino ed evidenziazione di alcune situazioni di eccellenza.

Risultati: Una sintesi dei principali risultati della prima fase è contenuta nel Report n°21 - La stagione turistica invernale 2006/07 in Trentino (Dicembre 2007) che contiene anche un’analisi della stagione invernale 2006/07 presso i principali competitor del Trentino (Alto Adige, Tirolo, Comparto Montano Veneto, Valled’Aosta).
L’intera ricerca è stata pubblicata nel Report n°27 - I turisti della stagione invernale (Dicembre 2008) in Trentino (Dicembre 2008).

 
Allegati
 
 
credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy